Skip to content


Novembre ’09 esce La Provincia-lotta

SOMMARIO:
– Il pacchetto sicurezza nel Saronnese
– In Brianza tra ronde e razzismo
– A un anno dall’assassinio di Said
– Il 14 giugno 2008, a Varese, Beppe Uva è stato assassinato
– Certezza della pena
– Genova 2001. Ma quale giustizia? Ma quale verità?
– Arrestato e picchiato perchè straniero

Per leggere, stampare, diffondere La Provincia-lotta, scarica il pdf.

Per contatti: provincia-lotta@inventati.org

OLTRE LA METROPOLI

Provincia di Varese. Un territorio che trasuda razzismo, sfruttamento,
inquinamento, speculazione edilizia e cementificazione, controllo
sociale, militarizzazione.
Un territorio per alcuni caratteri molto simile a quello delle vicine
province di Como, Novara, Monza e Brianza, così come al cosiddetto Alto
Milanese: per questo le questioni di cui tratteremo, attraverso queste
pagine, non faranno riferimento alla provincia come ente
amministrativo. Piuttosto ad un territorio che sentiamo essere oltre la
metropoli milanese, ma che di quest’ultima regge alcuni tentacoli
infrastrutturali come i poli fieristici, l’aeroporto della Malpensa,
l’autostrada Pedemontana di prossima realizzazione, i magazzini delle
grandi catene di distribuzione.

Un territorio da cui ogni mattina partono i furgoni dei lavoratori
immigrati, arruolati in nero e alla giornata dai caporali davanti alle
stazioni. Lavoratori  immigrati come Said, ucciso a Gerenzano
perché pretendeva il pagamento dello stipendio di suo fratello, o Ion
Cazacu che chiedeva di essere assunto in regola dal padrone che invece
lo ha ucciso dandogli fuoco.
Un territorio da cui vengono esportati in tutto il mondo aerei ed
elicotteri da guerra e da cui partono aerei carichi di deportati
colpevoli di non avere le carte in regola, così come partono quelli
carichi di soldati della NATO, di stanza nella base di Solbiate Olona.
Un territorio che forma giovani ricercatori laureati in biotecnologie
all’Università, arruolati dai centri di ricerca come l’Insubria
Biopark, situato in zona limitrofa alle sedi di importanti
multinazionali chimiche e farmaceutiche.
Un territorio dove una sera sei libero e sano a scherzare con gli
amici, poi incontri i Carabinieri e il reparto di Psichiatria di Varese
e dopo poche ore sei morto (Beppe Uva, 14/06/08). Se invece abiti a
Como puoi sempre incontrare qualche agente del Nucleo Anti Writers
della Polizia Locale che giocando a fare il pistolero ti fa un buco in
testa da parte a parte perché magari sei passato col rosso, come
successo a Rumesh, la cui vita è stata rovinata dalle deliranti
politiche securitarie della giunta comunale.

Queste pagine tratteranno di tutto questo e di tutto ciò che vi si
oppone. Per creare spazi di libertà, lotta e resistenza attraverso
percorsi di autorganizzazione e autogestione.

Posted in La Provincia-lotta.